Vincitore 2011
Poetessa e saggista di fama mondiale, tradotta in diverse lingue tra le quali inglese, italiano, tedesco, francese, svedese, olandese, ebraico, albanese, serbo, greco, finlandese, polacco e cinese, Ol’ga Sedakova è l’erede della tradizione dei grandi poeti russi del ‘900 quali Anna Achmatova, Osip Mandel'štam e Velimir Khlebnikov.
Nata a Mosca il 26 dicembre 1949, ha compiuto i suoi studi presso la Facoltà di Filologia dell’Università di Mosca Lomonosov (1973) e l’Istituto degli Studi Slavi e Balacanici (1983). Ha tenuto numerose lezioni presso le più prestigiose università americane ed europee e dal 1991 insegna al Dipartimento di Storia e Teoria della Cultura Mondiale dell’Università Statale di Mosca.
La raccolta delle sue opere è stata pubblicata a Mosca nell’edizione russa "En Ef K'ju/Tu Print:" (O. Sedakova, "Proza, stinchi", Moskva, 2001), un’edizione completa che raccoglie, in millecinquecentotrenta pagine, tutti i suoi scritti più importanti: il primo volume raccoglie solo opere in versi, il secondo la saggistica.
Celebre traduttrice della poesia italiana ed europea in russo, Ol’ga Sedakova ha tradotto Orazio, S. Francesco d’Assisi, Dante, Petrarca, T.S. Eliot, Ezra W. L. Pound, Emily Dickinson, Stéphane Mallarmé, Victor Hugo, Paul Claudel e Rainer M. Rilke.

Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti in tutto il mondo, tra i quali possiamo ricordare: Donna dell'anno, Who's Who-1992 (Cambridge, 1992); Premio Europeo per la poesia (Roma, 1996); Premio Stato della Città del Vaticano: Le radici cristiane dell'Europa. Nel nome di Vladimir Solovëv (Roma-Città del Vaticano, 1998); Cavaliere della Repubblica francese (2005). Nel 2003 ha ricevuto la laurea "honoris causa" in Teologia presso l’Università di Minsk.
Tra i suoi libri di versi pubblicati in italiano ricordiamo Solo nel fuoco si semina il fuoco a cura di Adalberto Mainardi (2008, Edizioni Quiqajon).