Carissimi Dirigenti e Docenti,

   con piacere presento alla Vostra attenzione la seconda edizione del progetto "Premio Laurentum" per la poesia, relativo alla realizzazione di una speciale sezione del concorso "Il Festival della poesia dei ragazzi".
Il progetto si rivolge, con differenti modalità, sia agli alunni del secondo ciclo della scuola primaria sia agli studenti della scuola secondaria di primo grado.
A tutti loro si offre la possibilità di esprimere e far conoscere la propria vena creativa. L'ambiente educativo di apprendimento, nel quale il ragazzo osserva, descrive, sperimenta l'educazione linguistica, si attua anche mediante l'espressione poetica e, attraverso essa, i giovani imparano a conoscere meglio il mondo che li circonda, a sviluppare la fantasia, a rapportarsi in maniera sempre più consapevole e significativa con le altre persone e ad esprimere, più facilmente che a parole, il loro mondo interiore.
L'obiettivo è ambizioso ed entusiasmante insieme: divulgare l'arte nelle scuole, promuovendo la poesia come una delle sue forme più nobili.
Ogni stagione della vita presenta piccoli e grandi drammi ed altrettante gioie ed aspettative: la poesia, da sempre ha rappresentato, per l'uomo, ed il giovane in particolare, un naturale sfogo, il volano di pensieri, emozioni e sentimenti.
L'Assessorato alle Politiche Educative Scolastiche, in collaborazione con il Centro Culturale Laurentum, sottopone, dunque, alla vostra scelta il tema del concorso di quest'anno: "Il mio mondo segreto: ciò che penso e non dico" - amore, paura ed incertezza - .
L'Assessorato da me guidato è, per sua natura e missione, assai sensibile a questi temi, ed è preoccupazione costante mia e dei miei collaboratori fornire alle famiglie e alle scuole strumenti e suggerire percorsi che possano aiutare l'espressione piena dell'io, al fine di favorire sentimenti positivi ed un sano contatto con le emozioni proprie dei turbinosi anni di passaggio dall'infanzia all'adolescenza fino alla giovinezza piena.
Nell'assolvere il delicato ed impegnativo ruolo di Assessore alle Politiche Educative, Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù della città di Roma, ho avuto modo, in più di un'occasione, di apprezzare ciò che le Vostre scuole rappresentano per i nostri giovani e quale preziosa ed instancabile opera di azione formativa e di supporto offrono alle famiglie.
Attraverso la creatività, strumento da Voi egregiamente utilizzato, la scuola può fornire un efficace veicolo per l'espressione piena e consapevole delle emozioni.
Infatti con il Festival della poesia dei ragazzi,"Il mio mondo segreto: ciò che penso e non dico" - amore, paura ed incertezza -, si vuole condurre ciascun giovane a comunicare il proprio essere in relazione agli altri, a raccontare del suo mondo, reale o ideale, manifestando quanto di positivo e vitale vi è in lui.
Certa dell'attenzione che porrete a tale progetto, del quale troverete in allegato tutte le indicazioni di sviluppo fornite dai miei Uffici, Vi invio un cordiale saluto e l'augurio sincero per un sereno e proficuo anno scolastico.

L'Assessore
Laura Marsilio