La visualizzazione della poesia che appare accedendo a questa pagina è gestita in modo randomico. Aggiornando la pagina con i comandi del proprio browser (tipicamente cliccando su F5) o riaccedendo alla medesima pagina dalla stessa o da diversa postazione, verrà quindi caricata ogni volta una poesia diversa.
Cliccando su Tutte le poesie si ottiene invece l’intero elenco delle poesie iscritte in ordine alfabetico per cognome dell’autore."

Poesia precedente Poesia successiva
Ricerca per autore: A - B - C - D - E - F - G - I - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z Tutte le poesie


Amata poesia
di Giovanni Vivinetto

All'improvviso un vento selvaggio
Ha sparso sulle mie aride terre
Un debole canto ch'io ho raccolto
E custodito segretamente in grembo.
Solitario, come il primo tenero fiore
Di primavera, il mio cuore doveva
Riscaldare e la mia anima nutrire.
Era simile ad una stella che, pur lontana,
Mi irradiava di benefici raggi, i quali
Vivificavano i miei assopiti sensi
E li riscaldavano di placida allegrezza.
Di lì a poco, la mia anima risuonava
Di una profonda e pura armonia
Che, come musicale eco, permeava
Le corde della mia interiorità.
Quale sinfonia più melodiosa,
Quale disegno più adornato,
Quale diamante più brillante!
Tra la sabbia e i detriti, tra i pianti
E le crepe ho potuto scorgere fiori,
Gemme, gocce di rugiada, allori,
Fiumi di nettare, montagne d'oro!
Così, o Euterpe, musa dell'amata
Poesia, hai rallegrato la mia
Natura con il tuo canto immortale
E il tuo suono divino echeggia
Dentro me, dischiudendo un
Mondo nuovo, magico.





Vota   Commenti