Cerimonia di premiazione 2016


ll Centro Culturale Laurentum, si legge nella motivazione, “si pregia di assegnare il Premio a Luca Pancalli. Il Premio vuole essere un riconoscimento di merito a chi sappia valorizzare lo sport come strumento di inclusione sociale. E Luca Pancalli, con la formazione derivatagli dalla sua passata esperienza di atleta, le sue straordinarie doti umane e l’impegno profuso nella sua intensa carriera professionale di dirigente sportivo a livello nazionale ed internazionale a favore della promozione dello sport italiano e dell’organizzazione e crescita del Comitato Italiano Paralimpico, rappresenta uno dei migliori testimonial dei valori più alti e nobili che ispirano l’attività sportiva”.

Gianni Letta, nel consegnare il riconoscimento insieme a Giovanni Malagò (Presidente del CONI e già vincitore dello stesso Premio), ha ricordato al pubblico che Pancalli è stato da giovane un campione di Pentathlon. Rimasto paralizzato a diciassette anni, a causa di una caduta da cavallo, ha proseguito brillantemente gli studi, tanto da diventare avvocato e contestualmente si è affermato come campione mondiale paralimpico. Nel 2000 è diventato presidente della Federazione Italiana Sport Disabili (FISD), che solo grazie alla sua incessante azione tesa allo sviluppo del movimento ed alle sue competenze di giurista, con legge dello Stato, è diventata Comitato Italiano Paralimpico (CIP).

Dal mondo dello sport l’evento è tornato a quello della cultura, quando Olivia Tassara ha introdotto un momento di ricordo di Alda Merini, chiamando sul palco l’attrice Anna Foglietta che in questo periodo ha interpretato proprio la grande poetessa a teatro con “La pazza della porta accanto”, spettacolo quest’anno in cartello al teatro Eliseo di Roma La Tassara ed Anna Foglietta hanno parlato della figura di questo grande personaggio della poesia italiana contemporanea ed anche del correlato tema dei trattamenti che venivano subìti nei manicomi prima della Legge Basaglia.
La conduttrice ha consegnato da parte del Premio Laurentum un riconoscimento alla Foglietta per il suo impegno culturale e civile.

<< pagina precedente

>> pagina successiva