Cerimonia di premiazione 2008
 
Gianni Letta intervistato prima della cerimonia di premiazione

Gli Italiani sono un popolo di aspiranti poeti: con la gara all'ultimo verso fra i 14.000 partecipanti al XXII Premio Laurentum cresce la febbre della poesia

Cerimonia di premiazione il 9 dicembre al Teatro Valle

Nella prestigiosa location del Teatro Valle di Roma, il più antico teatro capitolino, il 9 dicembre si è svolta la cerimonia per la premiazione della XXII edizione del Premio Laurentum per la poesia e - contestualmente - del II Premio online AAMS e del I Premio sms VODAFONE. Sul palco, nel ruolo di presentatori, Paola Saluzzi e Pino Insegno hanno intrattenuto e divertito il pubblico intervenuto numeroso per assistere all'evento.

La cerimonia si è aperta con il discorso del presidente Gianni Letta, storico pigmalione del Premio, da lui tenuto a battesimo e sostenuto sin dai tempi in cui dirigeva il quotidiano Il Tempo. Introdotto sul palco da Roberto Sergio (direttore del Premio Laurentum e fondatore del Centro Culturale) e da Giovanni Tarquini (presidente del Centro Culturale Laurentum), Gianni Letta ha sottolineato la vicinanza e il supporto delle istituzioni a questa nobile e importante iniziativa promossa dal Centro Culturale Laurentum per la diffusione della poesia, dopo aver ascoltato il messaggio di auguri del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Durante la cerimonia, alla quale ha presenziato, tra gli altri, il Vice Sindaco del Comune di Roma, Mauro Cutrufo, che ha portato il saluto dell'istituzione capitolina, sono stati resi noti i nomi dei vincitori della XXII edizione del Premio Laurentum, scelti tra gli oltre 2.000 partecipanti alle diverse sezioni del premio con circa 3.500 elaborati dalla Giuria presieduta, come detto, da Gianni Letta e composta da Angelo Bucarelli, Corrado Calabrò, Rino Salvatore Cerminara, Simona Izzo, Raffaele La Capria, Mauro Miccio, Roberto Sergio, Daniele Silvestri e Maria Lauisa Spaziani. Le poesie premiate sono state lette da Paola Gassman, Simona Izzo e Giuppy Izzo, che con la loro interpretazione hanno arricchito i testi, portando in scena l'arte del teatro.

Non sono mancati vari momenti di sincera commozione: in primis Pino Insegno ha letto una toccante poesia di Checco Durante sul delicato tema degli anziani destinati agli ospizi.

Il pathos ha poi toccato momenti di raro e profondo lirismo con Raffele La Capria, che voluto leggere una struggente lettera di un padre che ha perso il figlio ventenne in un drammatico incidente stradale. Nella lettera erano presenti alcuni versi di autentica poesia, scritti dal giovane alcuni mesi prima della sua accidentale scomparsa, nei quali sembrava risuonare una premonizione della sua prematura dipartita.

Al pubblico in sala, profondamente commosso, Paola Gassman ha voluto regalare un'ulteriore "chicca", leggendo una poesia a lei dedicata dal papà Vittorio Gassman ed incentrata sul rapporto d'amore che lega un padre alla figlia.

Ai fortunati vincitori sono stati consegnati ricchi premi: i-phone, notebook e smarthphone per i vincitori dei concorsi online e sms, mentre tra gli autori delle migliori poesie della XXII edizione è stato diviso un premio di complessivi 10.000 euro.

 
pagina successiva >>